A A A
Baladin News

GRANDE FESTA BALADIN “30+1” – festival MUSICA E DINTORNI

100%

 

A luglio, dal 12 al 16, si festeggerà il compleano del mondo Baladin con una serie di serate di puro divertimento e relax all'insegna della Birra Viva e del mangiare bene. Il tutto accompagnato dalla musica dal vivo e da affascinanti spettacoli circensi.

 

Lo si farà nella splendida cornice del Baladin Open Garden, a Piozzo, nella sede del birrificio.

 

5 giorni di grande festa, spettacoli, musica e cibo gourmet con le pizze di Gabriele Bonci e lo street food Baladin… Ovviamente non mancherà la Birra Viva Baladin!

 

12-13-14-15-16 luglio dalle 19 apertura delle spine e servizio di ristorazione. Alle 21 la serata inizia con lo spettacolo del circo Zoé. La festa continua con 5 concerti live rinnovati ogni sera. In apertura e chiusura di serata DJ-set BOOGIA BOOGIA.

 

16 luglio dalle 11 Campionato Italiano Homebrewing e concorso popolare con degustazioni gratuite (per chi volesse, sarà attivo il servizio del pranzo). Dalle 10:30 alle 12 e dalle 15 alle 18, porte aperte nel birrificio. Visite guidate per scoprire come si produce la birra Baladin. A pranzo apertura delle spine e servizio di street food. Dalle 19 apertura servizio di ristorazione. 

 

INGRESSO GRATUITO

 

INDIRIZZO: località Valle, 25 – 12060 Piozzo (Cuneo). Ampi parcheggi.

 

ORARI: ogni sera dalle 19. Domenica dalle 10:30 

 

INFO: info@baladin.it

 

I CONCERTI LIVE:

 

12 LUGLIO: ore 22 L'ORA CANONICA - https://www.youtube.com/watch?v=9FfyUH8MBQ4

 

13 LUGLIO: ore 22 VITTORIA IN THE HYDE PARK - https://www.youtube.com/watch?v=hdK7VriVjPM

 

14 LUGLIO: ore 22 KIOL - https://www.youtube.com/watch?v=_AmPU-g12sY&t=6s

 

15 LUGLIO: ore 22 2 FAT MEN - https://www.youtube.com/watch?v=Noj9VdlNoqo

 

16 LUGLIO: ore 22 FRANCESS - https://youtu.be/7UpymWdBUXQ

 

 

 

Ecco chi ci accompagnerà in questa grande festa!

 

GABRIELE BONCI

Gabriele Bonci (classe ’77) romano doc, sperimenta in cucina fin da giovanissimo. Dopo gli studi alberghieri lavora in molti ristoranti della capitale, poi nel 2003 decide di aprire una pizzeria. L’idea è quella di trovare un modo rapido per guadagnare presto i soldi necessari per poi aprire il suo ristorante. La farina, gli impasti, il lievito e l’arte bianca però lo travolgono. Nel giro di poco tempo, la pizza, cibo semplice e popolare diventa una missione e la cucina diventa l’integrazione e il completamento di essa. Oggi Gabriele fa ricerca assoluta sperimentando impasti estremi e cereali antichi, lavora con piccoli produttori e agricoltori, sostenendo un ciclo di panificazione naturale, recuperando pani tradizionali e esplorando i confini più sperimentali del mondo della pizza e del pane. Gabriele collabora alla trasmissione televisiva “LA PROVA DEL CUOCO” in onda su RAI 1. Per maggiori informazioni >> www.bonci.it

 

CIRCO ZOÈ

Fin dall’inizio della sua storia, Baladin è legato al mondo del circo. Fondamentale è stato infatti l’incontro tra Cirque Bidon di François Rauline Bidon con il suo onirico circo a bordo di carovane trainate da cavalli e Teo Musso. Il nome Baladin lo si deve a François che vedeva in un giovane Teo un perfetto cantastorie di un mondo fatto di arte, passione per il proprio lavoro. Questo forte legame con il mondo del circo inteso come anima non è mai venuto meno in tanti anni di attività ed è un elemento presente in tutto quanto viene pensato e realizzato da Baladin. Per la sua festa di compleanno, Baladin vuole regalarsi e regalare a chi festeggerà a Piozzo questo fantastico mondo fatto di fantasia, energia, passione e magia. Quest’estate questo importante compito è stato affidato alla compagnia Circo Zoe.

La compagnia Circo Zoé si è formata attraverso una rete di conoscenze ed amicizie legate dalla passione per lo spettacolo ed in particolare per il circo. I primi incontri sono avvenuti nell’ambito del sociale e del teatro di strada nella città di Bergamo; i contatti si sono poi allargati a Torino alla Scuola di Cirko Vertigo e in seguito all’Académie Fratellini a Parigi. Nel 2012 ha debuttato con il suo primo spettacolo “Zoé” al Teatro Astra di Torino. Da lì una tournée internazionale che li ha portati al Festival Karacena in Marocco, Mirabilia, Cirque Electrique a Parigi, Arènes di Nanterre, Mois Molières di Versailles…) fino a giungere a questa nuova produzione che nel mese di aprile è stata applaudita al Museo Picasso di Parigi . Non solo una compagnia, quindi, ma anche una forte volontà introspettiva che si traduce quasi in un manifesto programmatico della vita e dell’arte. “Il nome della compagnia è composta da due parole, Circo e Zoé. Circo perché per noi è importante sottolineare l’importanza del circo come arte e come storia: il circo racchiude un universo che oltrepassa il momento dello spettacolo, racchiude una scelta di vita, una scelta di fare spettacolo e di espressione artistica che comprende molti aspetti della vita, una vera condivisione artistica e umana”. Col termine “vita” s’intende non tanto la “bios”, quanto il concetto del filosofo Agamben “vita nuda”, una scelta che il Circo Zoé sente come propria poiché affine all’arte popolare circense, percepita a torto come secondaria rispetto alle arti classiche. Circo Zoé nasce pertanto dalla scelta di imboccare una direzione artistica e di vita sì incerta, ma resa forte dall’unione virtuosa del collettivo che punta a difendere un’arte, quella del circo di strada, che in Italia cerca di trovare sempre più spazio. 

 

 

I MUSICISTI CHE SUONERANNO DURANTE LA FESTA

 

12 LUGLIO – L'ORA CANONICA - Padre Filip è un finto prete che parla dalla sua canonica, canta delle canzoni e racconta parabole o almeno le definisce così (in verità sono storielle comiche di stampo laico raccolte in un breviario dal titolo “PARABOLE”). Ha un timbro di voce che lo caratterizza con una marcata inflessione piemontese, anche se lo spettacolo è interamente in lingua italiana. L’arredo della canonica vede due poltrone, in una prenderà posto Padre Filip e nell’altra ogni sera un ospite diverso si confesserà; sul palco un quartetto di musicisti lo accompagnerà. Ci sarà anche un chierichetto che proporrà le sue originali litanie. Una sorta di teatro-canzone che alterna storie cantate a monologhi comici recitati, il tutto condito da melodie originali. Lo spettacolo nasce dalla collaborazione di Filippo Bessone autore dei testi e Claudio Dadone autore e arrangiatore della parte musicale.

13 LUGLIO – VITTORIA IN THE HYDE PARK - I VITTORIA AND THE HYDE PARK sono una delle realtà più interessanti nel panorama italiano per il mercato discografico internazionale. (Cit. “Rolling Stone”)

Con il singolo di debutto “Tomorrow”, uscito il 25 marzo 2016, la band ha raggiunto nel giro di un mese il terzo posto tra le nuove entrate delle etichette indipendenti e il top 30 dell’airplay, con passaggi su radio nazionali. Il secondo singolo “Burn Down The Summer” è entrato nella TOP80 dell’airplay italiano e nelle classifiche di vendita pop di iTunes. Venerdì 3 febbraio 2017 è uscito il terzo singolo della band, intitolato “Let’s Talk About Us”, che chiude le anticipazioni dell’album, in uscita a maggio 2017.
I VITTORIA AND THE HYDE PARK si sono fatti conoscere ai loro fans nel modo tradizionale, partendo dal basso, con la classica “gavetta” dei live, inizialmente grazie al loro primo tour “Il pop è una cosa seria”. Durante i concerti, la band esprime il meglio di sè, grazie ad un'immagine forte e energia da vendere; è sul palco che i #VHP ripropongono le loro canzoni con un taglio diverso da quello mainstream sentito in radio, con l'attitudine rock e un atteggiamento che non può non coinvolgere!

 

14 LUGLIO – KIOL - KIOL a 19 anni ha già scritto oltre 35 canzoni, ha firmato un contratto di pubblicazione mondiale con CTM Entertainment e ha pubblicato il 6 gennaio 2017 il suo primo EP "I COME AS I AM" con Warner Music Benelux. Le sue canzoni sono piene di melodie pop, ritmi popolari e blues alternativi e sono influenzati da canzoni come Paolo Nutini, Jake Bugg, James Bay e Ed Sheeran. Durante il suo periodo irlandese è stato incoraggiato a cantare da alcune persone irlandesi che lo hanno chiamato "CEOL", pronunciato "KIOL", il che significa MUSIC in gaelico. Durante il 2016 ha lavorato in studio con Dani Castelar, Dave Nelson e Gavin Fitzjohn, rispettivamente produttore, chitarrista e co-scrittore e multi-strumentalista (aka Long Run Team) di Paolo Nutini e ha pubblicato il suo primo singolo "BROKEN UP AGAIN" Sul DEEZER il 23 dicembre. Nel dicembre 2016 è stato invitato a suonare al club Botanique a Bruxelles e poco dopo ha suonato in 4 diverse occasioni a Eurosonic-noorderslag 2017. 

 

15 LUGLIO – 2 FAT MEN - I 2 fat men sono un duo acustico composto da batteria e chitarra. I 2 fat men nascono nel 2009 per caso, in una nevosa notte di gennaio. I 2 fat men sono PAUL, batterista di Newcastle, gia Too Rude e Green Ade! LIBA, chitarrista, cantante e produttore Italiano, gia con Arsenico, Slep, Mr Alan Jackson, Rumhoney e tanti altri. I 2 fat men si sono esibiti circa 800 volte dal gennaio 2009 ad oggi, toccando Italia, Inghilterra, Francia e Germania. I 2 fat men si sentono spesso dire che da sotto il palco sembrano in 5, ma sono sempre e solo in due. I 2 fat men sono stata l'unica band ad aprire il concerto di Mr Bob Dylan a Barolo il 16 luglio, per Collisioni Festival. I 2 fat men hanno 2 album alle spalle …e sono costantemente in tour!

Ah…i 2 fat men sono grassi!

 

16 LUGLIO – FRANCESS - ...” there’s a feeling that I get from you”: chi per la prima volta sente la voce di Francess sarà indelebilmente segnato nel proprio subconscio musicale.  Un effetto del genere non si può nè progettare né creare. La ventiduenne Francess rapisce l’anima con disarmante semplicità. È un dono. Fin dall’inizio Francess vive in un mondo multiculturale – un particolare, che influenzerà la sua musica in modo sostanziale. Nata nel 1989 a New York, figlia di padre Giamaicano e madre Italiana, ha sempre posto l’arte e la musica al centro della sua vita: “Mi sono avvicinata alla musica da piccola… con una chiara tendenza a tutto ciò che è jazz, blues, soul, o che comunque affondi le radici nella cultura afroamericana... mia nonna mi cantava le ninna nanne gospel quindi non poteva essere altrimenti…”. Non solo musica; la sua gioventù è temporaneamente legata ad altre forme d’arte: frequenta prima il liceo artistico, poi l’Accademia di Belle Arti, ed infine lavora presso lo studio di uno scultore. Sono i produttori Mauro Isetti ed Egidio Perduca che riescono a riportarla alla musica grazie ad una fortissima intesa reciproca ed un intenso feeling artistico.

Al primo impatto Francess appare tutt’altro che estroversa: schiva, riservata, tranquilla. Finché non si trova davanti a un microfono: già dalla prima nota avviene una metamorfosi profonda.È affascinante assistere a quale forza vocale e quale espressività riesca a sviluppare una cantante cosi esile e graziosa. Qui emerge tutto il suo carisma, qui Francess segue soltanto il suo istinto – il suo cantare appare talmente naturale, talmente facile da sembrare quasi un gioco. Per questo motivo, il team di produttori Perduca & Isetti di Sonic Factory ha elaborato un repertorio di qualità e ricco di sfaccettature. Ogni pezzo dell’album presenta Francess da un angolazione diversa, facendo in modo che la raffinatezza degli arrangiamenti non perda mai di vista la forza commerciale dei brani. I testi sono stati scritti interamente dall’artista – una conferma che il talento di Francess si esprime in vari modi. Attraverso le sue canzoni di ampio respiro internazionale, Francess trasmette tutta la sua freschezza e passione con il carisma di un’artista completo nonostante la giovanissima età. A breve uscirà il suo primo album, “Apnea”.

Durante la serata Francess presenterà i brani del suo nuovo lavoro discografico A Bit Of Italiano, tra i brani anche  Don’t Want The Moonlight, cover rielaborata in lingua inglese del brano Guarda Che Luna.

 

 

 

Questo sito utilizza unicamente cookie tecnici (cookie di sessione, analytics e cookie di funzionalità). Per saperne di più e per negare il consenso all’utilizzo dei cookie clicca qui. Procedendo nella navigazione o chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie.